Archive for maggio, 2013


Beh, vivendo a Firenze da 5 anni era ora che provassi (e riuscissi) a fare dei buonissimi cantuccini alle mandorle. Come al solito ho dovuto variare un po’ la ricetta, ed ho usato la farina integrale e il risultato è favoloso. Ho aggiunto anche il cioccolato bianco a pezzettoni, ma non so se la scelta è stata buona perché poi quando ho dovuto tagliare i biscotti il cioccolato si è sparso ovunque. Forse erano meglio le gocce di cioccolato fondente.
Un altro appunto per chi volesse provare a fare questi biscotti: provate a spezzetare i fichi secchi e a mescolarli all’impasto, il risultato è favoloso.

cantucciIngredienti

500 gr farina (400 gr integrale + 100 farina 00)
200 gr zucchero
200 gr mandorle non spellate
100 gr burro
70 gr cioccolato bianco
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 buccia di limone
1 pizzico di sale

Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 25-30 minuti a 180°

Procedimento

1. Mescolare la farina con lo zucchero e il lievito. Aggiungere il burro a temperatura ambiente tagliato a quadretti.
2. Mescolare bene con le mani finché il burro non è sciolto.
3. In una tazza sbattere le uova con un pizzico di sale. Aggiungere le uova all’impasto con la farina e mescolare bene.
4. Aggiungere le mandorle e la cioccolata e mescolare. Aggiungere farina finché l’impasto non smette di essere appiccicoso.
5. Fare dei rotoli con la pasta e metterli sullo stampo da forno e appiattirli leggermente. Spolverarli con lo zucchero.
6. Infornare per 15 minuti a 180°.
7. Dopo 15 minuti (o comunque finché i biscotti non sono compatti) toglierli dal forno e tagliare i filoncini a fettine diagonali di circa 1,5 cm di spessore, in modo da ottenere i biscotti.
8. Rimetterli sulla placca stesi sul fianco e infornarli per altri 10-15 minuti, girandoli a metà cottura per cuocere entrambe le parti.
9. Sfornare e lasciar raffreddare e servire con il Vin Santo.

Annunci

Questa è una delle poche ricette tipiche della mia amata Trieste: Patate in tecia, un contorno favoloso che dovete assolutamente provare la prossima volta che volete servire un piatto unico di carne e contorno.

Ingredienti

Patate (quantità a scelta)
Cipolla
Lardo o pancetta
Sale, pepe, olio, peperoncino, vino per sfumare

Tempo di preparazione 40-50 minuti

Procedimento

1. Lavare e bollire le patate in acqua salata, toglierle quando sono completamente cotte.
2. In una tecia (pentola) scaldare l’olio e rosolare la cipolla e la pancetta / lardo a tocchetti. Aggiungere le patate sbucciate e tagliate a quadretti.
3. Mescolare vigorosamente, aggiungere un po d’acqua e di vino. Aggiungere sale, pepe e peperoncino a piacimento.
4. Lasciar cucinare finché le patate non sono ben amalgamate, una specie di purè con i tochettoni di patate.

Lo so che questa è una ricetta a dir poco ridicola, ma praticamente non mi ricordo mai di farla e invece il risultato è buonissimo e soprattutto serve per variare un po’ la dieta. In questo caso ho usato la pancetta, ma si può usare lo speck o il prosciutto crudo. Ho cucinato la carne nel burro, seguendo la ricetta che ho trovato, ma sono sicura che per la mia dieta proverò a farli in padella senza grassi e il risultato sarà comunque buonissimo.
Assieme alla carne ho servito le Patate in tecia, un modo tipico triestino di fare le patate di cui metterò la ricetta a breve sul blog, in separata sede.

saltinboccaIngredienti

Fettine di pollo sottili
Fettine di pancetta
Edamer tagliato a fettine
Vino bianco
Burro, origano, spezie, sale, pepe, succo di limone

Tempo di preparazione 15 minuti + cottura (io le ho cucinate per mezz’ora perché a mio marito piace la carne stracotta 😉

Procedimento

1. Togliere la carne dal frigo e insaporirla con gli odori: sale, pepe, origano, succo di limone
2. Arrotolare ciascuna fettina di pollo con una fettina di pancetta e una fettina di formaggio e fissare con lo stuzzicadente. Procedere con tutte le fettine (calcolare minimo 4 fettine a persona, se fate un piatto unico).
3. Lasciar riposare una mezz’oretta o più.
4. Al momento di cucinarle, scaldare una padella con un po’ di burro e adagiarvi gli involtini. Far rosolare su entrambi i lati a fuoco alto e poi sfumare con del vino bianco e aggiungere le spezie.
5. Cucinare fino a completa cottura, aggiungendo eventualmente un po’ d’acqua e un po’ di vino, a seconda dei gusti.
6. Servire con il contorno prescelto.

Amo questo tipo di gnocchi, ma ammetto che non li avevo mai fatti prima. In realtà sono semplicissimi e quindi da rifare assolutamente. In questo caso li ho conditi in maniera un po’ pesante e burrosa ma con una salsa leggera di pomodoro secondo me vengono perfetti.
L’idea originale (la ricetta che avevo già in casa) prevedeva gli gnocchi bianchi, senza gli spinaci. Ho provato perciò a fare un po’ di gnocchi bianchi ma il gusto non mi è piaciuto tantissimo. Forse non erano abbastanza conditi e forse con la farina bianca 00 il gusto sarebbe stato migliore. Se volete comunque provate, è bello vedere il piatto con due colori diversi di gnocchi.

Ingredienti

gnocchi-ricotta-spinaci250 gr ricotta
400 gr spinaci
125 gr farina (io ho usato l’integrale)
2 uova
Sale, pepe

Per il condimento
1 porro
5 fette tagliate un po’ più spesse di speck
10 pomodori pachini
Olio, sale

Tempo di preparazione 30 minuti (più tempo di riposo in frigo)

Procedimento

1. Cucinare gli spinaci, io ho usato quelli congelati e li ho messi in padella con sale, pepe e olio e li ho cucinati finché non hanno perso tutta l’acqua.
2. Amalgamare la ricotta, la farina e le uova. Aggiungere gli spinaci freddi e tagliati fini. Aggiungere sale e pepe finché basta.
3. Lasciare riposare la pasta in frigo per mezz’ora.
4. Mettere a bollire l’acqua salata e cucinare gli gnocchi un po’ alla volta usando dei cucchiaini. Gli gnocchi sono pronti in 3-4 minuti, normalmente quando vengono a galla sono pronti. Scolarli e lasciarli in una terrina, finché non siamo pronti per la cena.
5. Preparare il condimento, scaldando in una padella l’olio e soffriggere il porro tagliato a rondelle sottili, aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti e aggiungere lo speck tagliato a striscioline. Lasciar cucinare un paio di minuti (finché il porro non si è ammorbidito) e aggiungere acqua di cottura e poi mettere in padella gli gnocchi e saltare tutto assieme.
6. Impiattare e condire con parmigiano secondo i gusti.

Non so voi ma io amo gli amaretti, anche se alla fine non li compro quasi mai. Quando ho trovato la ricetta della torta agli amaretti ho pensato immediatamente a farla, complice la giornata libera del primo maggio. Come al solito ho fatto qualche piccola variazione: ho aggiunto un po’ di cioccolata fondente e ho guarnito con alcune fettine di mela. Il gusto della mela è ottimo con l’impasto, quindi la prossima volta le mele le mescolerò anche all’impasto invece che usarle solo come guarnizione.
Ho provato a usare anche gli amaretti come guarnizione ma ho scoperto che vengono a galla, mescolandosi con l’impasto e l’effetto è buono perché ogni tanti si morde la pasta e si trova il croccante.
Ultima cosa ho provato a fare sia la versione torta che muffin, e entrambe le soluzioni sono ottime.

Ingredienti:
Amaretti pie4 uova intere
80 g di amaretti tritati grossolanamente
80 g di amaretti tritati finemente
40 gr di amaretti da lasciare interi
200 g di zucchero
160 g di fecola di patata
120 g di farina
80 g di burro fuso
50 gr cioccolato fondente
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
Mela per guarnire

Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 30 minuti in forno a 180°

Preparazione

MUffin agli amaretti

1. In una terrina sbattere le uova, il sale e lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.
2. Mescolare l’impasto con il burro fuso lasciato a intiepidire.
3. Aggiungere le polveri passandole al setaccio:  farina, fecola, lievito e vanillina.
4. Spezzettare la cioccolata e sbriciolare grossolanamente una parte degli amaretti. L’altra parte degli amaretti tritarla finemente con il tritatutto. Mescolare tutti gli ingredienti nella pasta e mescolare.
5. Mettere la pastella nella teglia prescelta (imburrata in precedenza) o negli stampini per i muffin.
6. Infornare a 180° nel forno già caldo per 20-30 minuti, finché la torta non risulta dorata.